“.. chi nasce tunn nu po’ mur’ quadr’…”
(chi nasce tondo non può morire squadrato)

“.. na vota all’ann’ Dio u’ cumanne…”
(è lecito trasgredire di tanto in tanto).

“…mazz e panell fann i figli belle; panell senza mazz fann i figli pazz’…”
(dare beni ed educazione ai figli li fa crescere belli. Dare ai figli solo beni e non cultura li rende disadattati).

“.. ammiria è fatt’ a cuopp: chi sa piglia schiatt’ ncuorp..”
(l’invidia ti fa crepare)

“.. chi sa fa cu zuopp’ incapp n’ann’è zuoppo e cecato..”
(chi se la fa con lo zoppo dopo un anno è zoppo e cieco)

“.. a lavà a cap’ o ciuccio se perde l’acqua e u sapon’”
(è inutile fare tante raccomandazioni e dare tanti consigli ai testoni)

“… a chist munn tre so i potent: u re, u pap e chi nun tene nient...”
(a questo mondo tre sono i potenti: il re, il papa e chi non ha niente da perdere)

“… ciel’ a pucurell’ acqua a cantinell’…”
(cielo a pecorelle, acqua a catinelle)

“… pur i pollice tencn a toss’…”
(anche le pulci hanno la tosse)

“… Figl’ piccirill’ uaie piccirill, figl’ ruoss’ uaie ruoss’, figl’ sposat’ uaie radduppiat’…”
(figli piccoli guai piccoli, figli grandi guai grandi, figli sposati guai raddoppiati)

“… astipat u mil’ pè quante tien’ a toss’…”
(conserva la mela per quando avrai la tosse)

“… u figli’ mut u capisc’ a mamm’…”
(il figlio muto è capito dalla mamma)

“… figl’, vienner e niput che fai è tutt perdut…”
(i sacrifici fatti per figli, i generi e nipoti sono vani)
“… crisc’ figl’, crisc’ puorc…”
(cresci figli cresci porci)

“ … a vatt’ pe glì i pressa facett’ i figli cecat’…”
(la gatta per fare in fretta partorì i cuccioli cechi)

“… i sord fann venì a vist a i cecat…”
(i soldi fanno ritornare la vista ai cechi)

“.. Natal’ cù sole, Pasqu’ cù tizzon’…”
(Natale con il sole, Pasqua con il tizzone (il legno carbonizzato))

“… strign u culill quann’ stai sulill che quann stai accumpagnat’ riman svergognat’…”
(correggi le tue abitudini quando stai da solo altrimenti farai brutte figure in compagnia)